Ritorna il bando ISI INAIL, per le imprese che vogliono sostituire il tetto in eternit, ottenendo un CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO fino a € 130.000, pari al 65% delle spese ammissibili.

Quali sono gli investimenti ammissibili?

Gli interventi oggetto del contributo sono quelli finalizzati:

  • Alla rimozione dell’eternit con successivo trasporto e smaltimento, anche previo trattamento in impianto autorizzato, in discarica autorizzata fino a un importo massimo di  30 €/mq;
  • Rifacimento del manto di copertura e degli elementi ad esso accessori, tra cui le lattonerie (scossaline) e i canali di gronda fino a un importo massimo di 30 €/mq.Non sono invece finanziabili le spese relative al rifacimento/consolidamento delle strutture di sostegno della copertura e al rifacimento degli elementi strutturali del tetto, delle orditure, dei solai, delle travature e i costi di nuovi elementi tecnologici integrati, di pannelli solari o moduli fotovoltaici;

Qualora, oltre alla copertura, sia presente una sottocopertura in amianto, potranno essere aggiunti 20€/mq per la rimozione e 10€/mq per il rifacimento.

  • Le spese tecniche fino ad un massimo del 10% del totale del progetto:
  • la redazione della perizia giurata; la produzione di progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati;
  • la direzione lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione;
  • la produzione di ogni documentazione o certificazione, riguardante l’intervento, richiesta dalla normativa;
  • le denunce di messa in servizio di impianti; le relazioni e dichiarazioni asseverate ove richieste dalla normativa.;

Gli interventi non devono essere già in corso di realizzazione: i contratti di fornitura potranno essere sottoscritti e le spese sostenute a partire dal 1 GIUGNO 2018 ed entro 12 mesi dalla concessione del contributo.

Chi sono i beneficiari?

TUTTE LE IMPRESE che, al momento della domanda, soddisfino i seguenti requisiti:

  • Avere attiva l’unità produttiva per la quale intende realizzare il progetto;
  • Non essere in liquidazione volontaria o sottoposta a procedure concorsuali;
  • Essere assoggettata ed in regola con gli obblighi contributivi;
  • Non aver chiesto né ricevuto altri contributi sul progetto oggetto della domanda;
  • Non aver ottenuto il provvedimento di ammissione sui bandi INAIL 2014, 2015, 2016.
  • Non aver ottenuto il provvedimento di ammissione al finanziamento per il Bando FIPIT 2014.

 

La domanda è ad esaurimento fondi.

La prima fase del bando scade il 31/05/2018. AFFRETTATI!!!

 

Per maggiori informazioni potete contattare il vostro consulente di riferimento