MARCATURA CE

DIRETTIVA COMUNITARIA N° 2006/42/CE

 

Procedure armonizzate di valutazione della conformità dei prodotti industriali alle direttive di armonizzazione favoriscono l’immissione sul mercato europeo e contribuiscono alla realizzazione del mercato interno. La valutazione della conformità avviene in tappe che riguardano la fase di progettazione del progetto e la fase della sua fabbricazione.

ATTO

Decisione 93/465/CEE del Consiglio, del 22 luglio 1993, concernente i moduli relativi alle diverse fasi delle procedure di valutazione della conformità e le norme per l’apposizione e l’utilizzazione della marcatura “CE” di conformità, da utilizzare nelle direttive di armonizzazione tecnica, successivamente sostituita dalla Direttiva Macchine n° 2006/42/CE.

La presente decisione istituisce una serie di procedure di valutazione della conformità dei prodotti industriali ai “requisiti essenziali” fissati dalle direttive di armonizzazione tecnica. Ha lo scopo di tutelare interessi pubblici come la salute e la sicurezza degli utilizzatori dei prodotti.

CONFORMITA’

La marcatura “CE” concretizza la conformità di un prodotto alle esigenze comunitarie a cui deve conformarsi il fabbricante del prodotto. Indica che il prodotto è conforme a tutte le disposizioni comunitarie che prevedono il suo utilizzo.

Gli Stati membri non possono limitare l’immissione sul mercato o la messa in servizio di prodotti che hanno la marcatura “CE”, tranne il caso in cui sia provata la non conformità del prodotto. La marcatura deve essere apposta prima che il prodotto sia immesso sul mercato europeo o messo in servizio.

CAMPO DI APPLICAZIONE

La decisione stabilisce il regime di apposizione della marcatura “CE” di conformità relativa alla progettazione, alla fabbricazione, all’immissione sul mercato, alla messa in servizio del prodotto.

La marcatura “CE” può essere ripresa nella legislazione comunitaria come marchio di conformità nel caso in cui:

 

  • una direttiva segua i principi del nuovo approccio e dell’approccio globale;
  • venga utilizzato il metodo di armonizzazione totale;
  • la direttiva contenga procedure di valutazione della conformità secondo la presente decisione.

 

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’

Talune direttive possono escludere l’apposizione della marcatura “CE” su alcuni prodotti. Tali prodotti possono circolare liberamente sul mercato europeo se sono accompagnati ad esempio da una dichiarazione o da un certificato di conformità.

RESPONSABILITA’ DEI FABBRICANTI

La marcatura “CE” deve essere apposta dal fabbricante o dal suo mandatario stabilito nella Comunità. Il fabbricante si assume la responsabilità finale della conformità del prodotto.

La valutazione della conformità è in rapporto alla fase di progettazione e alla fase della fabbricazione del prodotto. Un organismo notificato può intervenire in una delle due fasi in funzione delle procedure di valutazione della conformità. Quando un organismo notificato interviene in una fase di controllo della produzione, la marcatura è seguita dal numero d’identificazione di tale organismo.

Se un prodotto rientra nel campo di applicazione di una direttiva che prevede una marcatura “CE”, questa deve essere apposta.

MODULI DI VALUTAZIONE

La decisione prevede otto procedure di valutazione (“moduli”) che si applicano alle fasi di progettazione e di produzione:

 

  • controllo di fabbricazione interna (modulo A);
  • esame “CE” del tipo (modulo B);
  • conformità al tipo (modulo C);
  • garanzia qualità produzione (modulo D);
  • garanzia qualità prodotto (modulo E);
  • verifica sul prodotto (modulo F);
  • verifica su un singolo pezzo (modulo G);
  • garanzia qualità totale (modulo H).

 

VEDI LE ALTRE ATTIVITA’ SVILUPPATE DA PROGEST srl IN MATERIA DI CERTIFICAZIONI DI PRODOTTO:

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company