SISTEMI DI GESTIONE DELLE SALDATURE – UNI EN 3834 e UNI EN 1090

La norma UNI EN ISO 3834 è una guida che stabilisce i requisiti di qualità per la corretta gestione del processo di fabbricazione mediante saldatura.

Parte 1 – Guida per la scelta  e  l’impiego
Parte 2 – Requisiti di qualità estesi
Parte 3 – Requisiti di qualità normale
Parte 4 – Requisiti di qualità minimi

Parte 5 – Documenti ai quali è necessario uniformarsi per poter dichiarare la conformità ai requisiti di qualità di ISO 3834-2, ISO 3834-3 o ISO 3834-4

A CHI SI RIVOLGE
La norma è stata strutturata in modo da poter essere utilizzata per la fabbricazione, sia in officina che in cantiere, di qualsiasi tipo di costruzione saldata per fusione.

BENEFICI

  • In situazioni contrattuali: per la definizione dei requisiti di saldatura; come linea guida per le verifiche/qualifica dei fornitori di prodotti saldati.
  • Da parte dei costruttori: definizione e mantenimento dei requisiti di qualità per la saldatura.
  • Da parte di comitati tecnici nella preparazione di codici strutturali o di altre norme di applicazione: definisce i requisiti di qualità per la saldatura.
  • In sistemi di gestione per la Qualità: come linea guida per la gestione del “processo speciale” saldatura; come integrazione della UNI EN ISO 9001.
  • Nell’ambito delle direttive europee (PED, CPD, Recipienti Semplici), costituisce “presunzione di conformità”
  • E’ obbligatoria per opere di ingegneria civile (DM del 14/01/2008 pubblicato sulla GU del 04/02/08).

 

A partire dal 1 luglio 2014 diventa obbligatoria l’implementazione della marcatura CE degli elementi metallici in acciaio ed alluminio per uso strutturale utilizzati nelle costruzioni. Tutti coloro che realizzano strutture in acciaio e pertanto già soggetti ai requisiti previsti per i centri di trasformazione nell’ambito degli acciai per carpenteria metallica (§11.3.4.10 del DM 14.01.2008), dovranno attenersi alle disposizioni legislative previste dalla norma armonizzata EC 1-2011 UNI EN 1090-1:2009 “Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei componenti strutturali”.

La “marcatura CE” sostituisce l’attestazione di qualificazione del Servizio Tecnico Centrale per i produttori di carpenteria metallica (centri di trasformazione).
L’implementazione della marcatura CE dovrà avvenire secondo la Direttiva 89/106/CEE e dal 1 luglio 2013 secondo il Regolamento Europeo n. 305/2011.
La UNI EN 1090-1:2009 riguarda:

  • la valutazione della conformità di componenti strutturali in acciaio e alluminio,
    o kit, immessi sul mercato come prodotti da costruzione;
  • i componenti in acciaio utilizzati in strutture composte acciaio-calcestruzzo;
  • i componenti di serie e non in serie strutturali, tra cui kit.

ed impone l’introduzione di un controllo della produzione (FPC) ed effettuazione delleprove iniziali di tipo (ITT), da sottoporre a verifica da parte di un ente notificato che rilascia il Certificato di conformità.
La norma non si rivolge alle lavorazioni delle barre di acciaio o reti elettrosaldate per c.a per cui continua ad esser applicabile il DM Norme Tecniche 2008.

E’ opportuno segnalare che le certificazioni UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO 3834 sono cogenti per l’applicazione della presente normativa in quanto dedicate al controllo del processo di fabbricazione.

 

VEDI LE ALTRE ATTIVITA’ SVILUPPATE DA PROGEST srl IN MATERIA DI CERTIFICAZIONI DI PRODOTTO:

Social Network Integration by Acurax Social Media Branding Company