La Raccomandazione EU 2017/84 uscita nel gennaio 2017 ha invitato gli Stati membri a svolgere un’attività di monitoraggio della presenza di MOSH e MOAH in diverse matrici alimentari e materiali a contatto con gli alimenti.

In questi anni la preoccupazione riguardo alla contaminazione da oli minerali negli alimenti è sempre stata molto forte, evidenziata da campagne di analisi realizzate da alcune organizzazioni per la tutela dei consumatori.

Gli idrocarburi degli oli minerali (MOH, Mineral Oil Hydrocarbons) comprendono un gruppo diversificato di miscele di idrocarburi con migliaia di composti chimici di strutture e dimensioni diverse, derivati principalmente da petrolio greggio, ma anche sintetizzati da carbone, gas naturale e biomassa.

L’EFSA identifica due tipi principali di MOH rilevanti per la sicurezza alimentare:

  • MOSH – Mineral Oil Saturated Hydrocarbons, idrocarburi saturi
  • MOAH – Mineral Oil Aromatic Hydrocarbons, idrocarburi aromatici

Tali sostanze sono contaminanti degli alimenti e sono quindi potenzialmente dannose per la salute umana.

Le fonti di contaminazione che destano maggiore preoccupazione sono i materiali per il confezionamento alimentare da cui i MOH possono migrare. In particolare, sono presenti nei contenitori in cartone riciclato e originano probabilmente dagli inchiostri per la stampa.

La raccomandazione UE chiede agli Stati membri di monitorare i MOH nei prodotti alimentari e nei materiali a contatto con gli alimenti: in attesa di un Regolamento comune, cerchiamo comunque di prendere maggiore confidenza e conoscenza dell’argomento.

Il report tecnico JRC contiene istruzioni specifiche per il campionamento e l’analisi di MOSH e MOAH in alimenti e materiali a contatto con gli alimenti, che possono essere utilizzate da tutte le parti interessate coinvolte nel monitoraggio.

Scarica l’allegato: Linee Guida CE MOSH MOHA March2019